Piattaforma ICT di Distretto

La Piattaforma ICT di Distretto (o di Città) permette di adottare un approccio comune per comunicare con i diversi Servizi esistenti in modo interoperabile. Tale approccio si basa sull'aderenza a un set di specifiche tecniche: le Smart City Platform Specification (SCPS).

In particolare, una Piattaforma ICT, basata su SCPS, punta a due importanti traguardi:
1) fornire uno strumento alla municipalità, basato su specifiche aperte, per monitorare e gestire idiversi contesti applicativi della città, svincolandosi da soluzioni proprietarie e chiuse;
2) divenire ponte di comunicazione interoperabile tra le diverse piattaforme preesistenti della città.

Per Smart City Platform si intende una Piattaforma ICT di integrazione dati che abbia aderito alle
specifiche Smart City Platform Specification. Aderendo alle Smart City Platform Specification si
predispone l’infrastruttura a una comunicazione interoperabile tra i diversi contesti applicativi urbani, p.es. Smart Building Network, Smart Lighting, Smart Street, Smart Home Network, Smart Community, Smart Mobility, ecc.

In particolare, una Smart City Platform punta a due importanti traguardi:

  1. fornire uno strumento alla municipalità, basato su specifiche aperte, per monitorare e gestire i diversi contesti applicativi della città, svincolandosi da soluzioni proprietarie e chiuse;
  2. divenire ponte di comunicazione interoperabile tra le diverse piattaforme preesistenti della città.

L’utilizzatore ideale della Smart City Platform è l’amministrazione cittadina (o la multi-utility delegata).

Le Smart City Platform Specification sono organizzate nei seguenti cinque livelli per l’Interoperabilità:

  1. Functional: concetti chiave e componenti da un punto di vista delle funzionalità architetturali;
  2. Collaboration: set di informazioni necessarie a esprimere le collaborazioni tra i diversi attori in
    gioco, rappresentante la configurazione della comunicazione interoperabile;
  3. Semantic: semantica del linguaggio comune in modo tale che il significato dei dati scambiati
    sia condiviso e l’interpretazione degli stessi priva di ambiguità;
  4. Information: sintassi del linguaggio comune, ovvero il modello dei dati di riferimento e i
    formati comuni di rappresentazione digitale da utilizzare;
  5. Communication: protocolli di trasporto e definizione dell’interfaccia di scambio dati.
    Le SCPS sono quindi modulari e, in generale, possono essere utilizzate in maniera indipendente una dalle altre, permettendone un’adozione graduale. Un esempio concreto è l’utilizzo delle specifiche SCPS Information e Communication Level in ambito PELL.

Referente

Cristiano Novelli

Invia un messaggio

Documentazione

Scheda rilevamento PELL_20151118 Scheda-rilevamento-PELL_20151118.pdf